Associazione AIAS – Lettera 28.01.2014 27


Spett. le
Ministro Infrastrutture e Trasporti
Dott. Maurizio Lupi

Sottosegretario Ministero
Infrastrutture e Trasporti
Dott. Rocco Girlanda

p.c.
Presidente del Consiglio dei Ministri
Dott. Enrico Letta

Ministro degli Interni
Dott. Angelino Alfano

Catania, 28.01.2014

 

Egr. Rappresentanti,

riteniamo inaccettabile l’indifferenza di questo Governo che, nonostante il nostro atteggiamento di apertura ed avendo mantenuto fede ai patti, tradisce ancora una volta gli impegni stabiliti.

Chiamati al senso di responsabilità, non abbiamo partecipato alle manifestazioni del Comitato 9 dicembre, consci delle ulteriori gravità che la protesta avrebbe potuto produrre.

Quando il 28 Novembre 2013 fu convocato un incontro con le sigle del trasporto, al quale non fummo invitati, nonostante anche codesta Associazione avesse dichiarato ed aderito al fermo nazionale dei trasporti, venne siglato un protocollo d’intesa.

Con questo documento veniva accordata, oltre al mantenimento della trattazione delle problematiche del trasporto, l’attivazione di “un tavolo tecnico / politico con le Associazioni per esaminare le peculiarità e difficoltà che incontra il settore dell’Autotrasporto nelle isole maggiori in modo da individuare ogni possibile soluzione di carattere normativo o amministrativo …”, definendo i tempi per la verifica dei contenuti e l’attuazione del protocollo entro il 30 Gennaio 2014.

Si sono susseguite nel corso di questi mesi una serie di convocazioni che sono state tutte rinviate.

Altrettanto inevaso il “capitolo” Ecobonus 2010 e 2011, che il Governo si era impegnato a svincolare entro lo scorso dicembre, ma che a tutt’oggi non ha trovato alcuna risoluzione ivi compreso lo stanziamento delle somme a bilancio.

Questo procrastinarsi è ancora una volta un insulto alla nostra dignità.

In ragion di ciò è nostra intenzione avviare un’azione di protesta che non verrà manifestata all’autorità Garante, non per inosservanza delle leggi ma quale replica alle inadempienze di questo Governo.

Distinti saluti.

Associazione A.I.A.S.

Il Presidente

Giuseppe Richichi